caffè

ams
ter
dam

festival di letteratura
olandese 15-22 aprile 2009
  • milano
  • bologna
  • novara
  • padova
  • roma
  • terni
  • trieste

mer
co
le

15

  • milano
  • h 21.00
  • Frida Café
  • via Pollaiuolo 3

Caffè Amsterdam –
Serata inaugurale
con letture e musica

Per una festosa apertura del Festival di letteratura olandese il Frida Café si trasforma in un caffè di Amsterdam, che vi propone un programma vario e sorprendente. In questa cornice Luca Scarlini parla con autori olandesi e italiani della loro opera: Tommy Wieringa (1967) presenta il suo primo libro in traduzione italiana, Joe Speedboat (Iperborea, trad. Elisabetta Svaluto Moreolo), un appassionante romanzo di formazione, lieve e profondo, divertente e tragico, odissea di magico surrealismo nordico, autentico trionfo della fantasia. Ariëlla Kornmehl (1975) ci parla de Il mese delle farfalle (Zero 91, trad. David Santoro), un romanzo vigoroso e sinistro su una giovane donna olandese che si stabilisce Sud-Africa come medico.
Mario Baudino legge dei brani amsterdamesi tratti dal suo ultimo romanzo Per amore o per ridere (Guanda). C’è musica live eseguita dalla violinista Tjamke Roelofs, si mostrano frammenti dei film amsterdamesi di Ed van der Elsken.

Dappertutto nel mondo il caffè è il luogo d’incontro per eccellenza, per innamorati, amici, ma anche artisti e scrittori. L’artista francese Roland Topor arrivò a descrivere la frequentazione del caffè come la sua attività più creativa. La città con la maggior densità di caffè al mondo è Amsterdam e mercoledì 15 aprile il milanese Frida Café si trasformerà proprio in un caffè di Amsterdam: un locale dal sapore antico e pieno di atmosfera, dove incontrare amici, ascoltare storie o trovare un nuovo amore.

Questo programma costituisce il preludio di un Festival di letteratura olandese, in cui sette autori provenienti dai Paesi Bassi e dalle Fiandre si presentano al pubblico italiano, nelle librerie Feltrinelli a Milano e in altri luoghi in Italia. Questi autori, insieme, offrono uno spaccato significativo della letteratura nederlandese contemporanea, caratterizzata da varietà, dinamismo e apertura.